Intervista a Bill Levin, il fondatore della Prima Chiesa della Cannabis


Intervista a Bill Levin, il fondatore della Prima Chiesa della Cannabis

La First Church of Cannabis (FCOC) è esattamente ciò che ti aspetti che sia: una chiesa dedicata all'erba. La FCOC è stata fondata da Bill Levin e dichiara la cannabis come suo sacramento. I laici della chiesa sono chiamati "cannaterians" e Levin afferma che la chiesa prevede di coltivare la cannabis (ma non di comprarla o venderla).

Fondata nel marzo 2015, secondo Levin la sua chiesa celebra "la vita, la buona salute, la compassione e la felicità con la pianta di cannabis". La First Church of Cannabis ha sede a Indianapolis, nell'Indiana, uno dei pochi stati negli Stati Uniti in cui l'uso di cannabis, anche a scopo medicinale, rimane illegale.

Per saperne di più sulla FCOC, la sua missione e la sua visione, Cannabis.info ha recentemente parlato con Bill Levin, il Grand Poohbah e Minister of Love della First Church of Cannabis. Ecco cosa ci ha voluto dire:

Cannabis.info: potresti descrivere la missione della tua Chiesa in poche frasi?

Bill Levin: i Cannateriani celebrano l'AMORE nella grande avventura della vita.

CI: Come hai avuto l'idea di fondare la First Church of Cannabis? È stato anche un modo per ribellarsi, ad esempio contro il Religious Freedom Restoration Act, o è puramente uno strumento per combattere il proibizionismo?

BL: Sono un ministro dal 2010. Da allora, ogni volta che passavo davanti a una chiesa immaginavo di gestirne una. Una Chiesa basata sull'amore vero, senza sensi di colpa e vergogna come fattori di controllo. Una chiesa dove tutti sono celebrati.

La nostra religione è basata sui Deity Dozen, che sono semplici suggerimenti moderni su come vivere. Il Religious Freedom Restoration Act ha sicuramente alimentato il mio desiderio di predicare e ha creato abbastanza vento da permetterci di prendere il volo.

Siamo qui per aiutare chi ha bisogno e per mettere sorrisi nei posti dove andiamo. È un percorso di amore del quale siamo orgogliosi.

Noi siamo l'UNICA religione che dice ai suoi discepoli di CONDIVIDERE L'UMORISMO. Lascia che ti spieghi... Degli oltre 7000 Dei e Dee che lavorano oggi in varie religioni, non una sola ha mai parlato di HUMOR! Noi vogliamo che la gente rida, canti e suoni, che impari qualcosa di nuovo e divertente.

Abbraccia gli altri e dai il benvenuto agli ospiti nel tuo cuore. Segui un percorso di Amore e HUMOR...

CI: In che modo la cannabis ha un ruolo nella tua chiesa? Credi che l'uso della cannabis porterà le persone spiritualmente più vicine a Dio? In alcune chiese "normali" è un rito bere vino per uso sacramentale, ma la gente non si ubriaca bevendo il vino durante la funzione religiosa. Quindi come fai a rendere la cannabis parte dei rituali? Ho letto anche che di recente un giudice dell'Indiana ha stabilito che la First Church of Cannabis non può usare la marijuana come sacramento. E leggo anche che farai appello a questa decisione. Quindi cosa succederà nel frattempo?

BL: La cannabis è una pianta curativa, ci avvicina a noi stessi e agli altri. In questo momento non ci è permesso usare il nostro sacramento. Stiamo facendo ricorso in appello nei confronti dello Stato. Nel frattempo aiuteremo chi non può aiutare se stesso. Lavoriamo con gruppi di persone senza tetto e altri bisognosi per offrire loro cibo e protezione.

Al momento sono attivi in tutto il mondo anche i servizi streaming su Facebook ogni mercoledì sera alle 19:30 (ora dell'Indiana) dalla nostra pagina Facebook. Tutti sono invitati ad unirsi all'Amore.

CI: Come si può diventare membri della tua chiesa e quanti membri ha oggi? C'è un rituale per diventare un Cannaterian?

BL: Noi non chiediamo ai nostri membri il 10% del loro reddito lordo. Questo è un furto secondo me. Abbiamo una semplice quota annuale di 125 dollari a persona, o 5 anni di iscrizione a 420 dollari. Non c'è un rituale ma ci sono abbracci e sorrisi da parte di tutti i membri.

CI: È possibile avviare un ramo della tua chiesa in un altro stato americano o in un'altra nazione?

BL: Sì, pensiamo di espanderci, ma solo con persone pure di cuore. Non avremo un ministero da ricevere come un pacco postale. Non voglio stronzi come ministri. Abbiamo un servizio di 90 giorni e un programma di controllo per tutti i ministri.

CI: Hai qualche aspirazione a renderla una cosa nazionale? Ad esempio avere una tua chiesa in ogni stato e città?

BL: Cresceremo man mano che le persone capiranno di cosa stiamo parlando. Senza dubbio... (ride) siamo una forza energetica positiva piena di amore, compassione e buona volontà.

CI: L'Indiana è uno degli ultimi stati con una politica molto severa su cannabis e canapa. Pensi che questo cambierà presto?

BL: L'Indiana legalizzerà la produzione di canapa nel 2019 e l'uso medico nel 2020. La cannabis sarà pienamente legale nel 2024.

CI: Dove pensi che la tua chiesa sarà tra 10 anni? O dove vorresti che fosse?

BL: Mi piacerebbe vedere numerose chiese in tutto il mondo.

CI: Ho letto che eri anche coinvolto nella politica. È ancora così? Che ne dici di Bill Levin come presidente?

BL: (ride) Mai!!! Non lo auguro a nessuno... Io sono un uomo onesto, il che mi rende un terribile uomo politico. Ma sicuramente mi diverto nell'arena politica. Andare faccia a faccia con i politici nei dibattiti è un'attività meravigliosa che incoraggio tutti a fare. Lotta per qualsiasi causa e divertiti a farlo. È una delle migliori esperienze di vita che ci sia... VAI, FALLO! .. Ti divertirai come non hai mai fatto prima!